Home / Cultura e Sociale / FestAmbiente: esperimento di un futuro possibile

FestAmbiente: esperimento di un futuro possibile

racconti nell'uliveto

Camminare per le strade e le piazze di Festambiente, tra le buone pratiche di raccolta differenziata e gli stand sulle rinnovabili, tra i laboratori didattici per i più piccoli, incrociando le tante esperienze di economia civile e circolare, gustando i sapori e i saperi del Belpaese, ci aiuterà a decidere il nostro futuro e ad orientare il nostro impegno“.

Non mente Angelo Gentili, coordinatore nazionale Festambiente, quando parla di ciò che accade a Rispescia (Grosseto), ormai per il 29imo anno consecutivo, in occasione della festa nazionale di Legambiente.

Immersi nel verde del Parco Naturale della Maremma, si ha la possibilità di prendere parte ad un “esperimento collettivo” nel quale la sostenibilità ambientale, si intreccia con uno stile di vita salutare e consapevole, ma anche bello, stimolante, che vien voglia di esportare e replicare il più possibile: arrivare in bici o in navetta è non solo possibile, ma consigliato e incentivato; nei diversi ristoranti, rigorosamente bio e per tutti i gusti, vengono usate soltanto stoviglie in materiale biodegradabile di ultima generazione (PLA e MATER – BI) e l’acqua è servita solo in brocche di vetro; tutto il materiale cartaceo per uso quotidiano (carta di fotocopie, carta igienica, rotoli da cucina, tovaglioli, fazzoletti,…) sono certificati PEFC, cioè provengono da foreste gestite in maniera sostenibile, attraverso una filiera di trasformazione tracciabile, dal bosco al prodotto finito.

materiali

Non è un caso, quindi, se anche quest’anno l’impatto ambientale della festa è stato azzerato grazie all’accordo con AzzeroCO2, realtà romana specializzata nella consulenza energetico-ambientale: le emissioni di anidride carbonica sono state compensate tramite produzione di energia da biomassa per teleriscaldamento in Valtellina ed in 12 giorni sono state risparmiate 67 tonnellate di anidride carbonica.

Tra le buone pratiche portate avanti all’interno della festa, anche la differenziazione dei rifiuti, che ha raggiunto il 90% di raccolta differenziata, oltre al risparmio energetico e idrico.

Non un modello ideologico di comportamento e stile di vita, quindi, pur approfondito negli interessantissimi dibattiti, ma la prova tangibile di un processo possibile e di un cambiamento già in atto, sperimentato dal 4 al 15 Agosto da circa 50.000 persone, giunte da tutta Italia per godere di un programma capace di coniugare etica ed estetica: conferenze e concerti, spettacoli di alto livello e laboratori, pensati principalmente per i più piccoli, veri protagonisti del domani.

laboratorio bambini

E nell’ottica di continuare ad immaginare ma anche concretizzare mondi possibili, l’impegno di Legambiente non si ferma: per l’inizio dell’anno scolastico è prevista la quarta edizione del concorso “Accendiamo l’idea!” in collaborazione  con Ecolamp, il Consorzio per il Recupero e lo Smaltimento di Apparecchiature di Illuminazione.

ecolamp

L’iniziativa intende coinvolgere le scuole di ogni ordine e grado in un’attività creativa che renda stimolante e divertente scoprire o approfondire i temi della raccolta differenziata e del riciclo delle apparecchiature elettriche ed elettroniche di uso più comune, nello specifico per l’edizione 2017/2018, la corretta  raccolta e smaltimento di lampadine e apparecchiature di illuminazione, i cosiddetti rifiuti di illuminazione.

La creatività degli studenti sarà messa alla prova nella realizzazione di uno speciale Gioco dell’Oca o di un video, a seconda delle fasce di età. La partecipazione al concorso è gratuita e offre l’opportunità di vincere premi in materiale scolastico del valore di 500 euro. La scadenza è prevista per il 30 novembre 2017.

Tutte le informazioni su:   http://www.legambientescuolaformazione.it/articoli/concorso-accendiamo-lidea-2017-2018

 

Comments

comments

Autore Rosa Angela Silletti

Leggi anche

OlivieroToscani - HappyMagazine

“Cibo per la Mente”: Oliviero Toscani e Andrea Lorini protagonisti della prima giornata

“La creatività è il coraggio di rischiare qualcosa che tutti pensano sia impossibile”. Questa frase, …