Home / Cultura e Sociale / FaceApp fa sorridere i quadri, un divertissement nell’era dei social network

FaceApp fa sorridere i quadri, un divertissement nell’era dei social network

Rijksmuseum-amsterdam

Il narcisismo, inteso come atteggiamento volto a un’esclusiva considerazione ed esaltazione di se stessi, non è un fenomeno che spopola solo nella nostra epoca. Oggi a darne prova sono i selfies,  un tempo lo dimostravano i ritratti. Solo che per fare un selfie occorre il tempo di un click, mentre per realizzare un ritratto era necessario rimanere in posa ore ed ore. Forse è proprio per questa ragione, ha pensato ironicamente Ollie Gibbs, grafico e illustratore britannico in visita con la fidanzata al Rijksmuseum di Amsterdam, che la maggior parte dei soggetti raffigurati nei ritratti  della collezione, tra Rinascimento, Barocco e Realismo “sembrano tutti così depressi”. Effettivamente, facendoci caso, ci si accorge che i protagonisti dei capolavori dell’arte sono quasi sempre compiti, mesti, hanno un’espressione corrucciata, sguardi spenti, e soprattutto non sorridono mai.

Ed è così che nasce l’esperimento. Ollie Gibbs, utilizzando tramite il proprio cellulare FaceApp, un’applicazione per immagini che è in grado di cambiare espressione e fisionomia ai volti, ha cambiato faccia a uomini e donne ritratti sulle preziose collezioni del museo. O meglio, ha cambiato loro umore facendoli finalmente sorridere. Sorrisi sornioni, beffardi, teneri, smaglianti o appena accennati, con un effetto quasi sempre esilarante, a volte inquietante, e in certi casi addirittura naturale. Le foto hanno subito iniziato a girare impetuosamente in rete, retwittate e condivise a velocità supersoniche, facendo diventare l’esperimento virale. Perfino sul profilo Twitter dell’istituzione museale è comparso un simpatico twitt: “Divertente vedere facce così familiari che ridono!

Un gioco, un vezzo che ci ricorda che è lecito giocare con l’arte con un po’ di sana leziosità, dissacrando con delicata ironia i grandi capolavori del passato. Senza pretese concettuali, solo un divertissement nell’era dei social network.

Comments

comments

Autore Milena Mele

Leggi anche

La mostra fotografica nell'auditorium San Domenico

“Viaggi solidali nel mondo”, la mostra fotografica che racconta Semi di Pace

Riceviamo e pubblichiamo: Un viaggio fotografico per raccontare l’impegno in ambito internazionale di Semi di …